Leggi e scarica i lombrosi

Sei sul blog de L'ombroso, quattro fogli di satira gratuiti (o di satira gratuita?) partoriti con dolore suppergiù ogni due mesi e abbandonati in giro per Verona. Vuoi inviarci un contributo scritto, illustrato o fotografato? Vuoi ricevere nel tuo bar e/o luogo di culto preferito il prossimo numero? Vuoi darci soldi, fama e potere? Diccelo su lombroso CHIOCCIOLA insiberia PUNTO net

The Dark Side of Romeo
Le KKKartoline
La nostra città regala squarci memorabili, densi di emozioni, carichi di romanticismo. Non si può rimanere indifferenti a cotanta bellezza che ci circonda e che ci pervade. Tanti nel mondo ce la invidiano,noi ce la teniamo stretta, chiusa, murata la nostra bella città. (in fase di aggiornamento)


Pagine

Categorie

Download Vari

Agenzia ansia dicembre 2015

cravattari ok

28/12 (ANSIA) – Verona. Dalla notte della vigilia di Natale nel presepe allestito in piazza Erbe sono già spariti due Bambin Gesù. Per quest’anno si spera in un parto trigemellare. Una pecora è stata ritrovata addirittura in via Cappello. Fissava con rammarico una vetrina che esponeva un maglione di lana.

26/12 (ANSIA) – Verona. Non piove da due mesi. La siccità, prevista almeno fino all’Epifania, rende l’aria irrespirabile. Il Comune interverrà costruendo un tappeto gigante per coprire le polveri sottili.

25/12 (ANSIA) – Verona. Provvedimento antismog, tornano i bus gratuiti per lasciare l’auto in garage. Alla parola “gratuiti” migliaia di veronesi rispondono intasando gli autobus, anche se fermi il giorno di Natale. Read more »

L’ombroso trentuno: solo idee superficiali ma ribadite con forza

Allora diciamocelo chiaro in faccia che L’ombroso non c’è più. Quando abbiamo uscito il 30? Sei mesi fa? Chisseloricorda più. L’ombroso non c’è più, finito. Siete contenti? Siete disperati, depressi? Ve ne impippa? Massì, abbiamo detto tutto. Sono trentun numeri (includendo il numero zero) che abbiamo detto tutto e anche qualcosa di troppo ci è scappato. Ci sono scappati quasi tutti i fondatori e le menti grigie, i redattori e i matitari bigi, i battitasti e i poetastri, i creativi e i distributori ligi. Non siamo più gli stessi, non siamo più nessuno. Adesso esce questo numero qua… Il 31! Ma che roba è? Chi l’ha tirato fuori il numero 31 se la redazione ha ancora le ragnatele dell’estate sulle sedie ed è da luglio che ci si arrovella?
E poi, d’improvviso… Bidibi bodibi bu! Forse la magia della bauli? della disney? della cocacola? E che minchia ne sappiano noi che siamo atei.
Bisogna riconoscere però che è bello come un faceto pacco di natale.
L’abbiamo confezionato così, senza fatica, senza sforzo alcuno d’intelletto, perché siamo stufi di usare il cervello che tra tutti è l’organo che consuma di più e non rende quasi niente.
Come un pacco di natale è scontato e irritante ma riciclabile, e noi vogliamo riciclarlo a voi, i nostri amati lettori, a quelli compulsivi e a quelli affezionati ma anche a quelli distratti e a quelli schifati. Tanto è gratis, e se voi non avete nessuno a cui sbolognarlo, be’, potrete sempre usarlo per imballarci le bestie e il bambinello quando disfate il presepe.
cop numero 31 bassa
In questo numero:
  • Reduce your penis, di Fabiana Inculamorti
  • Lobotomia, de Il Miserabile Jean
  • Nuove invenzioni per porre fine alla carenza di lettori, di Minali
  • La copertura di Stocazzo, di Jerry Kalashnikov
  • Inutile cambiare il mondo. Meglio adattarsi senza troppa fatica, di Max Brododidado, Quel Brutale Finalmente, Il Miserabile Jean, El Gefri
  • Le recensioni lobotomizzate di Quel Brutale Finalmente
  • Filosofia da bar, di Alì Tosi
  • Capire le sacre scritture: Genesi 12, Sarai fottuta, de Il Miserabile Jean
Un numero senza sagaci vignette né ficcanti illustrazioni? Giammai! Una pletora di decerebrati compagni di merende col pennarello in mano l’hanno infiocchettato in technicolor.

Agenzia ansia novembre 2015

fondazione

28/11 (ANSIA) – San Giovanni Lupatoto (VR). Gli sci di papa Wojtyla sono diventati veronesi. Domani in vetrina al Gran galà, poi saranno esposti al “Pepperone”. Le racchette sono state censurate.

21/11 (ANSIA) – Verona. Furto a Castelvecchio. Sgarbi: «È la mano della Jihad o della criminalità».

21/11 (ANSIA) – Cologna Veneta (VR). Furto misterioso di 4 giovani segugi. Sgarbi: «È la mano della Jihad o della criminalità».

21/11 (ANSIA) – Isola Rizza (VR). Scontro tra moto e furgone. Un ferito grave. Sgarbi: «È la mano della Jihad o della criminalità».

15/11 (ANSIA) – Verona. Allarme terrorismo. Zucchero annuncia 10 concerti a Verona e un nuovo album nel 2016.

Agenzia ansia ottobre 2015

oggi-al-cinema

11/10 (ANSIA) – Verona. Luigi D’Agostino, 90 anni, storico presidente del Bacanal del Gnoco ha dato le dimissioni dopo 55 anni alla guida del carnevale. È la cosa più divertente di tutta la sua carriera.

10/10 (ANSIA) – Verona. Giovanni Rana: «Matteo Renzi mi piace perché è un imprenditore, ragiona come un imprenditore». Effettivamente fanno tutti e due i tortellini.

09/10 (ANSIA) – Verona. Renzi al Ristori: «A Verona sta tirando la ripresa». Si riferiva al Rally Due Valli. Read more »

Agenzia ansia settembre 2015

Quintariga

27/09 (ANSIA) – Verona. Ancora polemiche sulla proposta della giunta della copertura dell’arena. Con un comunicato stampa la redazione de l’Arena approva il progetto di copertura. Del resto da sempre anche loro stanno coprendo la giunta.

26/09 (ANSIA) – Verona. Locandina de l’Arena: «Un cancello “anti barboni” per piazza Indipendenza». Sottotitolo: accesso solo ai glabri, tollerati i baffi corti.

20/09 (ANSIA) – Verona. Il capogruppo della Lista Tosi Massimo Piubello sul mancato pagamento della tassa rifiuti nel suo ristorante Hellas Kitchen: «La “pizza Flavio” faceva vomitare e Andrea Miglioranzi mi ha detto che la portava via lui nella doggy bag». Read more »

Agenzia Ansia agosto 2015

PROVE DI DIALOGO TRA TOSIANI E LEGHISTI

30/08 (ANSIA) – Verona. “L’Arena è troppo sporca!”, lamentano i turisti. Sicuramente appartenenti a qualche lobby di cooperative di pulizie indiane.

28/08 (ANSIA) – Mondo. Don Mazzi invita a non fare donazioni per cani e gatti abbandonati: «Piuttosto finanziate Exodus che salva cani e porci».

27/08 (ANSIA) – Verona. Fondazione Arena piena di debiti. «Urge un piano di copertura dell’Anfiteatro», ha dichiarato il sindaco, sempre impegnato sul fronte del Fare! Read more »

Agenzia Ansia luglio 2015

io fare

31/07 (ANSIA) – Verona. Approvata delibera con variante urbanistica per la costruzione di un supermercato Esselunga di fronte alla Fiera. Visibile soddisfazione del sindaco: così non si interrompe la lunga pista ciclabile per carrelli della spesa che attraverserà tutta Verona sud.

28/07 (ANSIA) – Verona. Svolta fashion: così come in AGSM e AMT, il nuovo consiglio di AMIA si tinge di rosa con l’entrata di due affascinanti farettine direttamente dal comitato del sindaco. Previste serate fingerfood, lounge bar e aperirumenta nei pressi dei cassonetti.

25/07 (ANSIA) – Verona. Filobus, l’AMT difende Tosi: «Con lui è in buone mani». Così come il castello del drago che si raggiunge guadando il fiume di latte e miele dopo il bosco delle fatine. Read more »

Birra, merda e pearà

Perdurando l’eccezionale ondata di calore si pregano i concittadini di sospendere temporaneamente l’alimentazione a base di pearà e olio di palma perché dai pori dilatati della loro grassa cute provengono rivoltanti miasmi di carne rancida e dalle loro gole arse di dignità gutturali suoni protoumani sul sacro diritto in sacro suolo di fare la guerra ai poveri. Fate schifo.
E se proprio non ce la fate andate a rinfrescarvi su a Fiamene che ci sono pure i Sumbu brothers.
Grazie.
sumbu brothers fiamene 2015

Agenzia Ansia giugno 2015

29/06 (ANSIA) – Verona. Dopo il flop di adesione all’iniziativa “Colazione in via Ponte Pietra…” ideata dal consigliere comunale Katia Forte e dal presidente di Amia Andrea Miglioranzi, il think-tank dell’innovazione commerciale scaligera non si dà per vinto e rilancia con un’ordinanza lampo: «Almeno uno degli esercizi di via Ponte Pietra dovrà cambiare il proprio nome in Tiffany».

28/06 (ANSIA) – Veronella (VR). In fiamme azienda di mangimi per animali. Agec garantisce che il servizio mense non subirà interruzioni.

26/06 (ANSIA) – Verona. Sarà veronese l’ospedale progettato a Medjugorje. I mobili li offrirà il mobilificio Centomo in cambio di un paio di apparizioni della Madonna.

25/06 (ANSIA) – Verona. Bus di profughi in questura. Si apre la porta e scappano. Per rimediare all’inconveniente il comune sta pensando di utilizzare quel vagone che ogni 27 gennaio viene portato in piazza Bra e poi lasciato nel dimenticatoio. Read more »

L’ombroso trenta: rideteci se avete coraggio

Vi siete mai chiesti perché nelle barzellette il popolo faceto ci mette sempre i carabinieri e i pulotti mai?
Si possono riconoscere diverse ragioni a questa sottile forma di discriminazione. Innanzitutto i carabinieri erano veneti in Calabria e siciliani in Veneto, il che è di per sé una situazione potenzialmente comica. Poi bisogna ricordare che i carabinieri portavano un’uniforme carnascialesca coi pennacchi e i cappelloni, buffoneria che ancora un poco si conserva nelle divise e negli atteggiamenti odierni.
Ma la ragione fondamentale al fatto che nessuno racconta barzellette sui celerini, è che non fanno ridere.
L’ombroso ha voluto per sua natura matrigna andare contro corrente, riparare a questa ingiustizia. Il risultato è che, allo stesso modo delle barzellette, il numero che vi proponiamo da portare sulle spiagge del salato mediterraneo non farà ridere nessuno. Per quanto graficamente curato come un bebè, ricco, denso, sgargiante dei molti buoni contributi, c’è venuto fuori come una barzelletta dal finale troppo amaro.
Perché non c’è niente da ridere. Non ha fatto ridere noi, non farà ridere i lettori. E soprattutto non farà ridere i celerini, non solo perché hanno molto meno senso dell’umorismo dei carabinieri, ma anche perché nessuno al mondo si darà la pena di impartire l’ordine di entrare nel nostro covo e sporcarsi le mani coi nostri flaccidi crani di vecchi fannulloni, donne amorali e ragazzini quadrumani. Perciò dovranno aspettare la prossima partita di calcio o il prossimo corteo di sparapetardi per potersi sfogare e sostenere le loro sacrosante ragioni spaccando teste e sparando lacrimoni.
Noi non dimentichiamo il monito pasoliniano che ci esortava a ricordare che i poliziotti sono lavoratori figli di lavoratori. Giusto, però è un fatto che anche i netturbini sono lavoratori figli di lavoratori e se Miglioranzi desse loro l’ordine di eliminare il pattume dandogli fuoco direttamente nei cassonetti, loro si rifiuterebbero di eseguire. Forse.

Numero 30

In questo numero:
– Le avventure del commissario Duevolti, di Alì Tosi
– Questo è il migliore dei mondi, di Quel Brutale Finalmente
– All Cops Are Bellissime, di Fabiana Inculamorti
– Ein Zwei Polizei, di Minali
– Quello che ci siamo imparati al vedere del film Diaz, di Jerry Kalashnikov
– Sicurezza in sicurezza, di El Gefri
– Finito il diluvio, de Il Miserabile Jean
– Quella volta che nacquero, di Johann Tesselberg
– Le recensioni sbirresche di Quel Brutale Finalmente

sempre magnificamente illustrato in ben quattro colori da alcuni sfolgoranti nemici pubblici sfuggiti alle patrie galere.