tutti i L’ombroso

Scarica e leggi con attenzione tutti i L’ombroso

Numero 47

Numero 46

L’untuoso 1

Numero 44

Numero 44

Numero 43

Numero 42

Numero 41

Numero 40

Numero 39

Numero 38

Numero 37

numero 36

Numero 36

Numero 35

L’Antitutto 1

Numero 34

Numero 33

Numero 32

Numero 31

Numero 30

Numero 30

cover-numero-29

Numero 29, A COLORI!

numero 28 bassa_red_tn

Numero 28, in ROSSO

numero 28 bassa_black_tn

Numero 28, in NERO

numero_27_copertina_tn

Numero 27

numero_26_tn

Numero 26

numero_25_bassa_tn

Numero 25

numero_24_bassa_tn

Numero 24

numero_23_bassa_tn

Numero 23

numero-22-bassa_tn

Numero 22

numero21

Numero 21

Numero 20

Numero 19

Numero 18

Numero 17

Numero 16

Numero 15

Numero 14

Numero 13

Numero 12

Numero 11

Numero 10

Numero 9, OTTIMISTA!

Numero 9, PESSIMISTA

Numero 8

Numero 7

Numero 6

Numero 5

Numero 4

Numero 3

Numero 2

Numero 1

Numero 0

Recent Posts

L’ombroso quarantasette: un numero contronatura

Dopo la grande speranza che fosse finalmente cominciato il giudizio universale, ormai disillusi dal floscio virus, nel triste frangente in cui ci ritroviamo senza poter degnamente festeggiare il Natale sputacchiandoci in faccia come ai bei tempi, ecco in vostro soccorso L’ombroso numero 47 che vi propone un altro nemico nuovo di zecca contro cui sfogare le nostre frustrazioni: gli alberi, i boschi, le foreste, questi sterminati eserciti di sussurranti ma temibilissimi invasori. Esseri che neppure appartengono al regno animale, gente al cui confronto la paura per gli immigrati è una favoletta. Altro che sostituzione etnica, gli alberi fanno parte di una cospirazione verde che minaccia ogni libertà dell’uomo e punta alla sostituzione di regno. Se li lasciate fare, se non li contrastate, gli alberi invaderanno tutto, le strade, le città… Guardateli mentre già ora sfondano i tetti, sconnettono l’asfalto, chiudono la visuale, infestano, opprimono il genere umano con ogni mezzo e via. Ben si comprende in quanti modi e con quali astuzie pazienti questi parassiti della terra ci minacciano, quanto infingarda sia la natura degli alberi con quelle radici che affondano verso l’inferno. Dopo che alla luce del sole hanno svogliatamente emesso ossigeno, non appena calano le tenebre – come moderne Penelopi – cominciano alacremente a produrre anidride carbonica per soffocarci nel sonno.
Un monito e una chiamata alle seghe, per la salvezza del genere umano, per il decoro delle nostre strade e del nostro territorio, all’armi, lettori, difendiamoci da chi ci vuole rubare il sacro suolo della patria.

In questo numero:

– Per una canoificazione del veronese: una modesta proposta, di Tex Pussy
– C’è un complotto degli alberi, me l’ha detto un tizio al bar, di Quel Brutale Finalmente
– Breve Orazione del sindaco sul perché è doveroso abbatterli, di Alì Tosi
– E allora le piante carnivore!?, di Minali
– Meditare sugli alberi, di Lord Scoppiafica
– Un sordo fap-fap-fap, di Milo Mannaro
– Famiglie in crisi e baobab con l’Iphone, di Pus

Il cartaceo dalle quanto mai coloratissime (ma non di verde, per motivazioni ideologiche) e spesse pagine prodotte a spese del nemico lo troverete gratuitamente nei consueti vostri luoghi di socializzazione. Ma badate, quando rientrerete nelle vostre celle allo scoccar del coprifuoco col L’ombroso sottobraccio, ricordate che il nostro giornale vi rende riconoscibili, ricordate che siamo in guerra, guardatevi sempre dalle piante, passate largo dai platani e dai lecci, perché anche quando sembra che stiano fermi e pacifici non c’è mai da abbassare la guardia. Mai.

  1. L’ombroso quarantasei: un numero gourmet Leave a reply
  2. Giovinessa primavera di bellessa Leave a reply
  3. L’untuoso Leave a reply
  4. #ioarrestoacasa Leave a reply
  5. Amici come prima. Leave a reply
  6. Esce il numero 45. Diventa untore e diffondilo! Leave a reply
  7. 25 aprire. Leave a reply
  8. La donna è mo Leave a reply
  9. Vigili vigili. Leave a reply