Polvere da polvere, spazzatura da spazzatura

Ce l’abbiamo fatta. Costretti sempre ad inseguire “dopo” quello che succede in città, stavolta siamo riusciti ad arrivare “prima”. La nostra locandina pubblicata sul blog l’8 giugno è quantomeno premonitrice di quella che sarebbe uscita in tutte le edicole esattamente un mese dopo, l’8 luglio. Poteri psichici, sapevatelo. Certo la cosa non è di buon auspicio, visto che quando entriamo in trance nel nostro umido covo preveggiamo fine dei mondi, galassie che si scontrano, umanità resa schiava da scarabei stercorari giganti. Ma qui, con questo titolo che L’Arena ci ha evidentemente copiato, forse la metempsicosi c’entra poco. Era da tempo infatti che aleggiava nell’aria quel clima da “Ma dài diocan, iè solo butei!”. Alla fine come vuoi che si passi la serata in città, se non a cantare canzoncine razziste e per di più cattoliche (non si capisce perché al processo la difesa porti la pubblicazione di certe canzoni su cd delle edizioni paoline come attenuante) e spaccando teste, facce, occhi, posaceneri? E così, alla faccia dei precari del Comune che devono restare a casa dal lavoro, qualcuna anche con il figlio illegittimo di qualche consigliere tra le braccia, ecco dei nuovi interinali pronti per essere inseriti nell’organico dell’Amia. Quante risate devono essersi fatti Grugnolo e i genitori fascisti di ragazzi fascisti quando sua maestà ha concesso udienza a queste famiglie distrutte: idea, facciamo fare pulizia della città… sì, pulizia dai comunisti, ah ah ah!!!

L’umile richiesta familiare al sindaco supremo era di ritirare la costituzione di parte civile da parte del Comune durante il processo affinché la pena pecuniaria non risulti troppo eccessiva per i butei (tra i quali il figlio di un primario, ad esempio). Così il feldmaresciallo in persona, sensibile al dramma di chi è incolpato di istigazione all’odio razziale (la stessa, odiosa insinuazione per colpa della quale sire Flavio è già stato condannato insieme al suo pretoriano di fiducia Slandron Migliornazi), ha deciso che la richiesta in denaro venisse tramutata in una proposta di ore di lavori socialmente utili.

Grugnolo, guardi troppi film mericani! In Italia la costituzione di parte civile può richiedere solo risarcimenti in denaro. Altrimenti uno chiede le fighe, lecca lecca, busti di Craxi… Alla pulizia delle strade lascia gli spazzini veri, che puliscano la città con la spazzaora, non con i posaceneri.

23 thoughts on “Polvere da polvere, spazzatura da spazzatura

  1. A me Lupusinfabula mi sta simpatico, trovo i suoi commenti sagaci e la sua dialettica avvincente.

  2. amichetti culattoni di sinistra poca materia grigia teschietto sfigato violenza fisica farneticazioni noioso monologo amichetti culattoni di sinistra poca materia grigia teschietto sfigato violenza fisica farneticazioni noioso monologo amichetti culattoni di sinistra poca materia grigia teschietto sfigato violenza fisica farneticazioni noioso monologo amichetti culattoni di sinistra poca materia grigia teschietto sfigato violenza fisica farneticazioni noioso monologo amichetti culattoni di sinistra poca materia grigia teschietto sfigato violenza fisica farneticazioni noioso monologo
    monologo monologo monologo

  3. Ogni sforzo è inutile con gente come te ed i tuoi amichetti culattoni di sinistra. Se non trovate un nemico da combattere siete incapaci di argomentare. Adesso il vostro mulino a vento è la Lega, ieri era il berlusca e domani sarà qualcun altro, ma la poca materia grigia che Dio ha sprecato per riempire il vostro teschietto sfigato non vi mette nelle condizioni di affrontare seriamente un argomento. Poi, naturalmente, si passa all’offesa ed il passo successivo è la violenza fisica. La strada è già segnata. Basta leggere le ultime due farneticazioni. Imparate a stare al mondo valà! E ricordate che ci sono anche doveri, oltre che diritti, nella vita. E chiudo definitivamente questo noioso monologo che ha sortito l’unico effetto del rimbalzo di parole ammorbate dal vostro intervento, quindi insostenibili da uno dal naso fino come me. Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!

  4. Mi domandavo: ma non c’è già l’Arena on line per lasciare spazio a commenti qualunquisti di legaioli fascisti che ancora non vogliono riconoscersi come tali e si professano indipendenti?…magari quel coso lì, quella roba lì di lupusinetcetc… potrebbe, in quel contesto, apparire interessante e stimabile. Qui dà solo noia, non dice nulla che non si senta e non si legga quotidianamente, usa il linguaggio di tutti i suoi simili e… non so come dire coso, “Dai! basta che stufi, ma stufi davvero!!!”. Baaaaaaaaaaastaaaaaa Ufffaaaaaaaaaaaaa sappiamo già tuttoooooooo non ci dici niente di nuovoooooo è sempre la stessa solfaaaaaaaaa. E capisco anche che nelle conversazioni quotidiane tu sia reputato uomo di cultura ma qui no! Qui ti si scopre subito, qui non ti diamo dell’intellettuale come ti succede alla Festa della Polenta della Lega quando leggi le tue imbarazzanti pseudo poesie in dialetto, qui il livello è un pò più alto di quello a cui tu sei abituato.
    P.S.: OGGI PARTO PER LE FERIE, HO DUE FICUS E UNA SCHEFLERA SE SE CATEN TE DO LE CIAVE PAR ENTRAR E DARGHE DA BEAR…MA STA ATENTO A NO SERARTE DENTRO ANCA LI’!!!!Aseno!

  5. Perché non smammi tu, “cultura di spessore” bobi, che qua non ci sono i tuoi amichetti legaioli a leggerti, a cui più volte chini supino il capo leccando loro riconoscente la mano? C’è rutto e c’è rutti, bobi, dài, calmino, il collare a strozzo ti fa andare il sangue alla testolina. Cultura di spessore anche a te. E con la lingua, tieni pulite le terga al tuo monsignore Grugnolo, uomo di spessore culturale. Quanto è cambiato dai tempi del liceo, quando era rinomato per la sua manifesta atrofia cerebrale.

  6. @chemicalbuz
    Capisco che la chimica ti abbia bruciato le cellule neuroniche, capisco pure che la tua probabile età infantile non ti permetta una cultura di spessore, comprendo anche che tu ti nutra di luoghi comuni. Ma una cosa non riesco a capire: perchè non te ne vai affanculo?

  7. ragazzuoli non state nemmeno a rispondergli tanto uno che fa sti ragionamenti qua cosa volete che capisca…ha il cervelletto in pappa dai reality del papi…e così il progetto p2 arrivò al compimento…

  8. Ma qual è il problema oltre ad un’alta concezione di te stesso?
    Vuoi che ci troviamo in un campo verso le 6, ovvero “la soluzione a tutti i problemi”? vuoi che diciamo che Zanotto o la sinistra fanno sboccare ceteris paribus? vuoi sfogare le tue abilità dialettiche, nel senso di dialetto?
    Digrigna pure i denti steppenwolf (e ti faccio anche un favore a chiamarti così) ma frattanto datti anche una calmata, se ne avvantaggerà la tiroide.
    E ricordati di dar da bere alle piante!

  9. Lupus non ha capi e non fa parte di nessun branco. Tu invece sei una zecca dissidente che si è unita ad un piccolo branco di animali infettati e cerca di propagare l’infezione. In confronto a lupus sei solo uno spocchiosetto culattoncino raccomandato che pensa perfino di essere spiritoso. E come direbbe lupus: “maeme el cul cola pearà!”.

  10. Salve, sono il capobranco di lupus [plurale capibranco, vero lupus? ; ) ]
    scusate, ma proprio il giorno prima di partire x nabole è rimasto chiuso in ufficio dove stava dando da bere alle mie piantine, portate pazienza domani torno con il batiscafo che mi ha regalato Fidel e lo libero.
    Poi lo mando una settimana in colonia e senza wi-fi

  11. E allora cosa ci stai a fare qua?
    Su esci, che è estate, e i tuoi amici ti stanno aspettando in centro per vivere la vostra splendida, lustra, purificata città.

  12. Non sarei mai stato capace di definire meglio questo blog, grazie Agnello: “utili idioti che pontificano sul luogo comune”. Ma perchè si deve essere forzatamente idioti rossi o leghisti? T’è sbajà tuto vecio! Coi partiti me struso el cul e anche con quel che disì voialtri.

  13. Ops, si parlava di amici legaioli, quelli li hai proprio dimenticati… te ne sbati i coioni anca de lori? O a leccare le crespe del culo ai nuovi padroni ci provi un certo piacere?
    E chi avrebbe le tasche piene de schei? Abbiamo mai mangiato alla stessa tavola?
    Segui il tuo consiglio: involati verso altri lidi, è pieno di posti accoglienti dove troverai altri utili idioti che pontificano sul luogo comune. Sei il riassunto di una società in declino. Contento tu.

  14. Mariaaaaaaa! L’è mejo che nemo viaaaaa! Qua noi capisse un casso l’è un vero prolasso. I continua a parlar de berlusconi (e mi de lu me ne sbato i coioni). I parla de ufo e mi son stufo che noi se renda conto che semo al ponto che la sinistra la sta sparendo parchè la gente la sta tradendo. Mariaaaaa, son sa sula via par mandarli in cul parchè i ga la suca come quela de un mul. I fa i professorini cole scarsele piene de zechini e ghe dise ai altri de vardarse al spejo, invese de sparar stronsade tasì che lè mejo.

  15. Ho preso a cuore la malattia di humusintabula e vorrei proporre una cura. Humus, alzati, dirigiti verso Negrar. Una volta giunto suona il campanello della famiglia Tommasoli e recita il tuo mantra: “E forse ghe sarà anca qualche nasista, che l’è quel che rifà i nasi a forsa de pugni e portasenerade. Ma pensa che strano! A mi la cità la me piase proprio così. E non la m’era mai piasuda tanto”.
    Poi, in mancanza di uno specchio a portata, corri davanti ad una vetrina e rifletti la tua immagine. Terapia d’urto, si chiama. Se non sortisce effetto nemmeno questo, sei un caso disperato (oltre che isolato) e la medicina olistica non può far nulla.
    Nel qual caso rivolgiti direttamente a Budda, Krishnamurti, Geova o il grande Puffo.

  16. Non so se l’elevata distanza in termini di padanissime pertiche riuscira’ a farvi comprendere la simpatica locuzione qui usata per invitare gentilmente ma con fermezza chi esprime siffatte idee credendoci pure (cioe’ esclusi i giornalisti mediaset) a lasciar perdere:

    mavadavialcul

    Si capisce? No, vero!?

  17. E come gli piace a Bobyinfabula star in mezzo ai maroni! Si lamenta, si lamenta ma è sempre qui tra gli zebedei… Orsù Fufi, togli quel grugno dalla faccina: la prossima volta che cerchi amore a ore a Cuba ti andrà meglio. Dì che ti mandano quelli de L’ombroso, magari ti fanno lo sconto. Lo sai no, che veniamo pagati in canna da zucchero direttamente da Fidel… Altrimenti chi ce lo farebbe fare di scrivere certe roiate disfattiste, non sarebbe meglio andare tutti a Gardaland? O ci siamo già?

  18. Sei un po’ disturbato, Lupus. Mi dispiace tanto. La Verità in tasca è una brutta bestia. Ma a te piace coltivarla insieme alle tue cristalline certezze e alla tua padana voglia di ordine e pulissia. In poche righe sei riuscito a sintetizzare una storia d’Italia davvero prestigiosa, brao. Mancano gli ufo trotzkisti nell’area 51, ricordateli la prossima volta. A proposito di mafiosi, e i tuoi amici legaioli, culo e camicia con la cupola puttaniera e benpensante berlusconiana, ne vogliamo parlare?

  19. Non capisco perchè un comunista debba per forza essere cieco e comportarsi da demente criticando tutto e tutti. Te vedarè che la perfession l’è el bolscevismo o l’ana-rchia… Tanto par ti iè tuti fassisti, probabilmente anca to pare. Poareto, el me fa de pecà. Ma ti continua pure a sbavar al vento che i veronesi che ha votado e rivotarà Tosi iè tuti semi, orbi e fassisti. E forse ghe sarà anca qualche nasista, che l’è quel che rifà i nasi a forsa de pugni e portasenerade. Ma pensa che strano! A mi la cità la me piase proprio così. E non la m’era mai piasuda tanto. Serto, parfeta no la d’è mia, ma se riusissimo a spassar via (ecco el parchè dele spassaore come pena) tuti i parassiti e le zecche che vol la rivolussion proletaria e che pensa ancora de meritarsela par quel che ha fato i partigiani 66 ani fa (che no i era mia tuti rossi era), saressimo sa a bon ponto. Par quel che riguarda i partigiani, che in tante cità i g’ha adiritura un monumento, ghè qualcosa che non va. L’Italia l’è sta liberada dai mericani con l’aiuto dela mafia. La storia la dise così. E alora femoghe el monumento al mafioso, no al partigian. E i antiamericani de ancò, alora, ei filonasisti? Non ghe capisso più gnente. Mariiiiaaaaaaaaaa, nemo in vacansa a Cuba alà, che se femo inciapetar da Castro che in un giorno el ghe fa spendar a un turista quel che el ghe dà de stipendio tuti i mesi a un professor universitario (almanco iè sicuri). E che schifo ‘na cità neta e ordinada. Nemo a nabule che lì se sta ben. Sgauie dapartuto, furti a go-go, rapine, stupri, tri omisidi al dì, camora che comanda… ma lè folclore! Iè tanto simpatici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *