El pranso sti leghisti e sti prelati…

El pranso sti leghisti e sti prelati

I le fa tuti un po’ a lo steso modo:


Credito forse che i mastega brodo?


O tri galete roseghè dai rati?




Iè sgionfi e iè impenidi de sprisati,


E pieni e duri come n’ovo sodo,


E fin tanto che i bee, i le cata el modo


De far batalia a ci no gà carati.




Mi, seto, mi l’è raro che barufo,


Me vien solo i nervosi, no che rida,


Ma, gh’en catesse uno, ghe dirìa




Da tanto che me incasso e che me infufo
:

"To mare la fé na brena vestìa


E l’à t’à cagà da chela borida!"

3 thoughts on “El pranso sti leghisti e sti prelati…

  1. in origine (http://www.chass.utoronto.ca/…mp;ignoreaccents=1) borida vol dir anca gran quantità, e par questo ghè ci le usa come sinonimo de “grossa cagada mola”, “sbrofa” o parlomeno questo l’è el senso de “borida” nel soneto.
    bonalè.

  2. cosa xèa a “borida” ?
    comunque, brao l’ombroso.
    digheo,
    leghisti magnaroni paraculi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *