Asma 1.0

 

VENTOLIN
di Lemon Roidy

[9 maggio 2013, ore 8.30]

L’assessore allo sport, alle strade e con recente delega alla pearà, alzò la cornetta inferocito: «Mi passi il presidente dell’AMIA». La linea venne inoltrata immediatamente con velocità quasi tirolese.
Un «Pronto?»
lontano, sovrastato da un rumore di spazzole e scrosci d’acqua, arrivò flebile al grande orecchio dell’assessore.
«Allora, lavacassonetti, a
vete pulito le strade stanotte? E non mi deluda ancora, si ricordi che lei rimane al suo posto solo perché ci serve un ex-comunista di facciata».
Il rumore di spazzole rotanti si attenuò fino a scomparire e solo allora arrivò la risposta: «Certo monsignore, sono uscito io personalmente con una delle nostre 3000 macchine lavastrade. Ma le polveri non accennano a diminuire».


«Non dica stronzate – rincarò l’assessore alla pearà – lo sa bene che l’università della Padania ha dimostrato che per abbattere il Pm10 basta dare ogni sera una pulitina alle strade. E allora si impegni che stasera l’Hellas gioca la finale».

 

 

[9 maggio 2013, ore 20.30]

Il nuovo stadio “Happy Xmas” costruito sul luogo che fu nei primi periodi del buio interregno cittadino il primo campo rom abusivo, era stato dedicato con un abile e arguta mossa politica alla scomparsa nera legione, camuffando il nome all’interno di un inglesismo. In questo modo lo stadio era ancora più giovane a alla moda del suo predecessore, anche grazie al suo colore rosso e ai fregi a forma di babbo natale con libro e moschetto nelle due mani.

Lo stadio era gremito e i corpi sudati ondeggiavano al tradizionale grido di «No fusione» che i capi ultrà alzavano all’inizio di ogni partita.

Nell’ultimo anello la leggera nebbiolina che ormai da anni sovrastava la città indeboliva la visuale e affaticava il respiro. I venditori di Caffè Borghezio e Ventolin facevano affari d’oro.

Le due squadre entrarono in campo orgogliose dei propri colori: giallo e blu il glorioso Hellas, rosso e verde la neo promossa Ingannapoltronense.

Fischio dell’arbitro.

Al primo scatto in avanti, intravisto dai tifosi, le due ali della squadra di casa si accasciarono colpite da una crisi d’asma. I portatori di Ventolin entrarono in campo cercando di risolvere la situazione.

Nella tribuna Vip l’assessore bestemmiò tossendo: «Quel bastardo ingannapoltronese di un lavacassonetti, non ha fatto il suo lavoro. Ci vuol far perdere anche la finale del campionato amatori!».

E continuando a tossire aspirò avide boccate dal suo Ventolin Plus.

2 thoughts on “Asma 1.0

  1. Non ha alcun senso
    Io almeno non capisco
    Forse mi mancano dei riferimenti
    VIVA LA X FLOTTIGLIA MAS
    VIVA LA REPUBBLICA DELLE CAMICIE NERE
    A MORTE IL RE TRADITORE (effettivamente deve essere morto almeno 60 anni fa, ma trattasi di raffinato artifizio retorico)
    VIVA IL DUCE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *