Leggi e scarica i lombrosi

Sei sul blog de L'ombroso, quattro fogli di satira gratuiti (o di satira gratuita?) partoriti con dolore suppergiù ogni due mesi e abbandonati in giro per Verona. Vuoi inviarci un contributo scritto, illustrato o fotografato? Vuoi ricevere nel tuo bar e/o luogo di culto preferito il prossimo numero? Vuoi darci soldi, fama e potere? Diccelo su lombroso CHIOCCIOLA insiberia PUNTO net


Internazionale Lombrosiana a_peru_01.jpg Hai da segnalarci lettori de L’ombroso nei luoghi esotici delle tue villeggiature, nelle tristi periferie dei tuoi viaggi d’affari, quando ti sposti per organizzare complotti? Spedisci le foto a lombroso CHIOCCIOLA insiberia PUNTO net e frequenta il blog, le pubblicheremo.

La Vignetta del Signore vignetta n.12.jpgLe vignette del tempo che fu
The Dark Side of Romeo
Le KKKartoline
La nostra città regala squarci memorabili, densi di emozioni, carichi di romanticismo. Non si può rimanere indifferenti a cotanta bellezza che ci circonda e che ci pervade. Tanti nel mondo ce la invidiano,noi ce la teniamo stretta, chiusa, murata la nostra bella città. (in fase di aggiornamento)


Il morbo rosa

L’ombroso, il rotocalco di satira clandestina che misura da oltre un lustro il cranio ai cittadini dell’unica città dell’amore degna di questo nome, si ributta nella mischia con questa seconda avventura editoriale. Dopo aver sondato il futuro con il beast-seller “Adieu Pearà. Memorie future dalle ombre di Verona”, approda al passato con questa commedia ambientata nel 1690.

«Il morbo rosa. Ovvero di come la gaia peste si diffuse nella bella Verona» è commedia eufuistica dal sen sfuggita in circa cinque atti composta da Guy de Guillon di suo proprio pugno sotto il papa Alessandro VIII per il sollazzo del Cardinal Porchetta.
Dove si racconta di come la gaia peste si diffuse nella bella Verona e di come il principe Roman ne seppe fare inestimabile profitto, e che per di più contiene altri stupefacenti aneddoti a sorpresa, meravigliose rime sparse e un paio di sentenze da lasciare senza fiato.

Cantata dal famoso Guy de Guillon e impreziosita alquanto dalle illustrazioni del maestro Gianni da Verona detto il Burato.

.

Guy de Guillon è lo pseudonimo di un oscurissimo impiegato delle poste affetto da uno squilibrio psicotico che ogni primo lunedì e ultimo giovedì del mese gli procura delle allucinazioni secondo le quali crede di essere un letterato della fine del diciassettesimo secolo.
In realtà è nato a Cazzano di Tramigna nella seconda metà del ventesimo e si dichiara credente ma solo perché ha paura dell’inquisitore. Diplomato in ragioneria, attualmente pensionato, Guy vive a Mestre dove coltiva la sua malattia mentale unendosi ai gruppi di rievocazioni storiche locali.
Giovanissimo si è guadagnato una menzione sull’albo d’oro delle scuole elementari “Aleardo Aleardi” di Verona, città in cui ha vissuto fino all’inizio del secolo. Pare che conosca più lingue ma non l’italiano. Scrive infatti immaginando di essere tradotto da un precario del settore editoriale.

Gianni Burato nasce a Verona dove vive e lavora. Artista eclettico dal notevole talento e con una sensibilità per i dettagli non comune, ha collaborato con «Cuore» e «il Fatto Quotidiano» e illustrato celebri copertine per «il Venerdì di Repubblica». Nel 1998 ha vinto il premio “Pino Zac” al Premio Satira Politica di Forte dei Marmi. Tra i fondatori insieme a Milo Manara del giornale satirico «Verona Infedele».

Write a comment